Nicole Barrière

Nicole Barrière (Francia)

Vive a SaintEtienne


Rifugiati


Cos'è l'esilio?

Il viaggio - ilpericolo:

è per quello che bisogna traversare l'inferno?

per un po' di sabbia bianca mischiata alla terra

per costruire...

quale casa abiterai con l tua bambina?

Come le rondinelle tu ti affretti

verso il solo all'angolo della strada

- cammini e aspetti sul porto:

hai costruito un nido precario

vicino alle navi.

Domani prenderai il mare.

Non hai paura -

nella tua lingua straniera

l'idioma è l'amore impossibile

e il sogno impossibile

- e l'insensata erba del desiderio si rassegna

illusoria avanzata di ponti.

Attraversa ancora un po' la speranza -

coppa bianca fra le mani - argilla

tenera. Tenera argilla - amore

impossibile. Argilla

tenera è la vita.


***

Poesia

I merletti della poesia nei bianchi della lingua

soffiano la rabbia o la passione dell'essere

- ci vorrebbe un'improvvisa ispirazione:

uno spazio senza misura.

Per camminare controvento

incespicare sulle pietre - penare

finché la vetta sia vicina

leggere sui bordi le dure tracce.

E mentre tu continui ad avanzare

un ospite di passaggio inciampa nel silenzio

delle parole - hai un bel picchiare

contro i limiti: il vuoto scava in tutti.

Preso dalla vertigine, allora

tu raggiungi la vetta!


***

Eredità

Ritorni con i tuoi sogni di libertà

che illuminano l'azzurra

ombra dei poveri.

La tua voce è quella della terra -

una luce quieta sul pendio

- la pioggia soltanto ti ascolta

e confonde con le lacrime il suo canto.

Al fruscio trattenuto la parola degli alberi -

il vento ruba il sortilegio del loro canto

e sarà dolce vivere nel sole.