Belfjore Qose

Belfjore Qose - Albania


Tirana

Stagione salata


Stagione salata

ricordo salato

con il sale della tua pelle sul palato

dall'acqua azzurra vengono dolori

per abbracciare un tramonto sul Mediterraneo.


Corona d'olivo

stagione d'olivo

quanti alberi sempreverdi mi porto dentro

quel pianto lamentoso che stormisce

se ne sente l'eco nel midollo degli alberi.


Stagione salata

viso salato

sette soli non possono paragonarsi ai tuoi occhi

la tua fresca eterna luce

il perenne dolore tuffato nel mio petto.




Blue


Ho così tanto amato i tuoi sorrisi

più di quanto tu stesso li abbia amati

ho provocatole tue radiazioni

con l'intensità della carne

in un bagliore di creazione.

Ora siamo lontani dal sonno -

lo abbiamo perso negli incubi del silenzio

- dobbiamo imparare a perdere il cammino

così vedremo lo splendore nei nostri occhi.


Non voltarti all'inganno

non guardare indietro

o rimarrò nell'ade della memoria

condannato a vivere

l'ondeggiare del tempo

se straripano gli argini dei giorni.

Sono di nuovo loro

gli amanti dell'apparenza

che gridano d'amore.


Siamo noi di nuovo

gli amanti del linguaggio

che annegano in un atto impossibile.

Sono io di nuovo

innamorato del leggere

che decifra la tristezza nel tuo corpo.


Sei di nuovo tu

mio amato in eterno

che non può essere tale

per la nostra briciola di tempo terreno.